Sviluppare il sistema di fissazione dei prezzi

Published on : 18 March 20216 min reading time
 Il problema della batteria è uno dei più odiosi per me. Teoricamente, è abbastanza semplice: la batteria della moto rimane scollegata in inverno, conservata al caldo ed all’asciutto se necessario e ricaricata di tanto in tanto. Nella pratica, ciononostante, in genere non funziona in questo modo ed una nuova batteria sarà necessaria in primavera.  

Far svernare correttamente le batterie delle moto  

Ho sempre cercato di prendermi cura delle mie batterie della moto durante l’inverno. Ambiente caldo secco, regolarmente caricate od anche stabilmente, con la funzione di mantenimento del caricatore.  

Ma almeno una tra di esse non è sopravvissuta all’ibernazione. Poiché avevo una lampada di ricarica collegata, che ha scaricato significativamente la batteria. (Che invenzione stupida!). Perché mio figlio ha manomesso l’interruttore di accensione e che il contatto è rimasto per mesi con lo stesso risultato. Perché sono stato troppo pigro per toglierla. Etc.  

Astuzie: a volte, le batterie scariche possono essere riattivate grazie ad un’astuzia: collegate una batteria funzionante direttamente alla batteria difettosa durante un breve lasco di tempo, un poco di più od un poco di meno. È importante collegare una carica tra le due, una lampada del lampeggiante è sufficiente. A volte, potete riattivare una batteria fortemente scarica, fino a 9 o 10 volt, in un tempo molto breve. Se poi la collegate subito ad un caricatore, con un po’ di fortuna, la ricaricherete. Non avrà comunque più la sua potenza iniziale.  

E mentre la mia flotta cresce, ed io divento più pigro, ho bisogno di una soluzione che sia la più semplice possibile e che funzioni per tutti i miei veicoli. Ho bisogno di uno strumento di ricarica universale.  

Un caricatore per tutti 

Ho un caricatore che è un po’ più vecchio, ma che funziona ancora meravigliosamente bene: un H-Tronic AL 1000plus. Il suo solo difetto è che dispone solo di pinze a coccodrillo. Alcune delle mie batterie sono

talmente nascoste che non posso arrivarci con le pinze. Ma non mi va’ di togliere le batterie dappertutto. Con certe motociclette, è del tutto impossibile.  

Il mio piano: tutte le moto dovrebbero essere dotate di prese di carica, alle quali posso direttamente collegare il caricatore. Devono essere inoltre il più possibile piccole e robuste, al fine che possano rimanere sul motociclo tutto l’anno. Così posso anche ricaricarmi rapidamente tra le due cose, se fosse necessario. Devono anche essere a tenuta stagna, è chiaro, poiché un corto circuito direttamente sulla batteria è poco estetico.  

Esistono sul mercato diversi fornitori e sistemi che propongono dei caricatori, degli adattatori e prese corrispondenti. Ben compreso, tutti questi sistemi non sono compatibili fra loro.  Viva l’economia di mercato!   

Dopo qualche ricerca, ho finito per raggiungere CTEK. Potete acquistare i loro prodotti da Luis, tra l’altro. Il vantaggio sulla concorrenza: le prese sono di gran lunga le meno care: attualmente, una presa costa un po’ meno di 5 euro. Tuttavia, fanno la stessa buona impressione e rispondono a tutte le mie esigenze.  

Ho pensato brevemente se non fosse il caso di comprare anche un caricabatterie adatto presso CTEK. Ma siccome il mio funziona perfettamente e poi io adoro il bricolage, è stato mantenuto il piano iniziale.  

Ecco il risultato del mio acquisto: a sinistra il mio vecchio caricatore, a destra 5 prese di ricarica con anelli di dimensioni in parte diverse e una presa per la ricarica. In alto, c’è la presa di carica già menzionata con la lampada di ricarica, che è sempre di CTEK. L’ho messa da parte di riserva, poiché a causa della sua elevata corrente di riposo, preferisco non montarla stabilmente su una moto.  

Ora, la saldatura e la crimpatura

Non ho avuto bisogno di rifare le prese di carica per l’Honda e la BMW, potevo avvitarli direttamente alle batterie con gli anelli. Ma le prese di carica delle mie 3 MZettes hanno dovuto essere rimpiazzate da delle spine piatte di 6,3 mm per poterle collegare alla batteria: tagliate quindi le anse dell’anello, spellate il cavo, uniteci il manicotto della spina piatta e metteteci sopra una guaina termorestringente.   

Poi ho staccato il cavo con le pinze a coccodrillo dal caricatore ed ho inserito una spina protetta contro l’inversione di polarità. Siccome l’apparecchio stesso viene utilizzato solo all’interno, non aveva bisogno di essere impermeabile. Ho collegato la presa di carica ad un cavo di alimentazione 230V robusto e lungo circa 5 m, che posso collegare al caricatore. Il vecchio cavo a pinza di coccodrillo ha ricevuto anch’esso una spina corrispondente, in modo da poterlo usare in caso di necessità. Ecco fatto!

Dopo questo, c’è stata una prima prova sulla piattaforma di caricamento. . Ho estratto la presa di carica dal coperchio laterale in alto a destra, poiché è qui che è meglio protetta dagli schizzi d’acqua.  

Questo ha funzionato a meraviglia dal primo tentativo e l’MZ ha potuto accontentarsi di una piccola “carica intermedia”.  

In seguito, è rientrata in garage, dove ho dato a tutte le moto la loro presa di carica.  Alcune dietro la copertura laterale, altre sotto il sedile. Il caricatore si trova nell’angolo del garage ed arriva senza problemi a tutte le moto grazie al lungo cavo di ricarica. Anche l’Honda che è parcheggiata davanti al garage, la posso ricaricare. Fintanto che la presa di corrente e la spina rimangono sotto il coperchio laterale, non dovrebbe avere alcun problema, anche sotto la pioggia.  

Il solo “problema” è che devo sempre staccare il caricatore nel momento in cui passo da una motocicletta all’altra. Altrimenti, l’elettronica di ricarica diventa un rompicapo. Aggiungerò probabilmente un interruttore principale al cavo di connessione, in modo che il caricabatterie possa rimanere collegato tutto l’inverno.  

Non mi resta che mettere un freno alla mia pigrizia e di cambiare il cavo ogni 1 o 2 settimane. Poi, con un po’ di fortuna, tutte le moto partiranno con una batteria perfetta e piena fino all’orlo per la prossima stagione.  

Fregi, distintivi ed altri accessori per i motociclisti
La definizione dello stile della moto

Plan du site