Là dove la strada finisce, l’avventura comincia

Published on : 18 March 20215 min reading time
Il fuoristrada ha qualcosa dell’avventura primitiva, soddisfa il bisogno profondamente radicato nella nostra coscienza di conquistare territori inesplorati, di affrontare le nostre debolezze e di  andare alla scoperta dell’ignoto. Per una qualche ragione, a molti di noi piace combattere con il fango, litri di sudore e tutto ciò che permette di provare soddisfazione a comunicare con gli elementi naturali e con il veicolo.

Tuttavia, per trovare il gusto di guidare una moto fuori dai sentieri battuti, è utile imparare i principi di base di quest’arte. E’ chiaro che quest’ultimi non sostituiscono una buona formazione alle tecniche di guida, ma possono costituire una buona base per lo sviluppo della vostra passione per il fuoristrada.

 Personalizzare la vostra moto

Preparate accuratamente la vostra moto per gli ostacoli fuori strada. La cosa più importante è di proteggerla dalle rocce, dai rami ed altri elementi tipici dell’ambiente. Sarebbe bene installare dei proteggi mani (paramani per moto), dei  gmoli, delle coperture sotto il motore. Togliere o piegare i retrovisori ed il parabrezza.

Curate la vostra tenuta

Per evitare le ferite, utilizzate sempre un abbigliamento protettivo, preferibilmente quello adatto alla guida fuoristrada. L’abbigliamento adatto vi fornirà una adeguata sicurezza, una libertà di movimento ed anche un equilibrio termico. Se non avete l’abbigliamento adatto per il fuoristrada, e volete solo sperimentarlo, utilizzate degli abiti da moto traspiranti, levando le imbottiture inutili.

Controllare il percorso

Le pozzanghere d’acqua nel bosco possono nascondere delle sorprese sgradevoli – una radice d’albero, una buca di un metro di profondità od un sasso. Non prendete mai il rischio di superare degli ostacoli non sperimentati che non siete in grado di valutare ad occhio nudo. Utilizzate un bastone o cercate di attraversare questo luogo per la prima volta a piedi .

Andare con un amico

Guidare in solitaria in luoghi lontani dagli insediamenti umani e dalle vie di comunicazione, significa che nessuno si precipiterà per aiutarvi in caso di guasto od incidente. Alla peggio, potreste restare sdraiati per delle ore prima che qualcuno parta alla vostra ricerca. Di conseguenza, se vi recate in un territorio lontano, ricordatevi di portare con voi un amico.

Creare una posizione

Non esistono delle sospensioni  che ammortizzeranno ogni colpo, è per questo che nel fuoristrada guidiamo la maggior parte del tempo in piedi . Le nostre ginocchia e le nostre spalle diventano una sorta di prolungamento delle sospensioni. Inoltre, la posizione in piedi offre una migliore visibilità, ciò è fondamentale  per pianificare il percorso ed evitare gli ostacoli. Il fatto di stare in piedi permette di equilibrare meglio il motociclo nei passaggi più difficili.

Lavorare con il proprio corpo

Un buon equilibrio del corpo ha un effetto tangibile quando si guida fuori strada. Nel momento in cui attraversate una superficie mobile (ad esempio della sabbia), spostate il peso del vostro corpo verso la ruota posteriore. Questo vi permetterà di evitare che la ruota anteriore non sprofondi  nel suolo. Quando salite su una collina, spostate il vostro peso in avanti. La guida fuoristrada comporta uno sforzo fisico considerabile.

Controllo del pedale dell’acceleratore

Per superare i numerosi ostacoli fuori strada, bisogna innanzitutto superare le proprie paure. Gli americani chiamano questo principio “in doubt, flat out”, che significa: in caso di dubbio, a tutto gas. Facendo scivolare  la ruota dietro su molti tratti, otterrete la trazione che vi serve.

Scrutare il terreno

Nella guida fuoristrada, dovete allo stesso tempo guardare nel senso di marcia ed osservare cosa succede davanti alla ruota anteriore. Benché questo possa sembrare difficile all’inizio, vale la pena di imparare e praticare questa abilità. Una concentrazione eccessiva sulla sola ruota davanti vi farà, nel lungo periodo, “vedere una formica ed essere sorpresi  da dei tronchi orizzontali”, rischiando anche di farsi ribaltare o di perdere il controllo della direzione.

Utilizzare i due freni

Se possibile, disattivate il controllo di trazione e l’ABS sulla ruota dietro. Frenate con i due freni in modo controllato, cercando di non perdere l’aderenza  con la gomma davanti.

Fidatevi  della vostra moto

Non lottate con il manubrio, lasciate la moto andare, correggendo la direzione ed equilibrando solo il corpo. Se la moto comincia a “ballare” in modo allarmante, correggete la vostra posizione, spostate il vostro peso nel modo giusto e controllate l’acceleratore.

Vincere le proprie paure

Preparatevi mentalmente alle cadute. Quando si guida fuori strada, è del tutto normale. Se ne siete coscienti, la vostra paura del contatto con il suolo sarà minore ed il vostro stile di guida più rilassato.

Non prestate attenzione allo stile

Le belle ed appariscenti uscite attraverso i guadi e le sabbie riguardano il retaggio della pubblicità. Non cercate di focalizzarvi eccessivamente sullo stile da adottare per scavalcare gli ostacoli, concentrate invece la vostra attenzione sull’efficienza.  Se vi accade di rimanere intrappolati nel fango,  non esitate a far presa sui  vostri piedi per uscirne il più rapidamente possibile. Il fuoristrada non è un concorso di bellezza, è una scuola di vita.

Guidare una moto con un passeggero – come farlo al meglio
Quando, come e perché creare degli itinerari nel GPS

Plan du site